Jackie: una first lady che ci fa riflettere

Jackie… Una first lady enigmatica che ha vissuto uno dei giorni che ha cambiato la nostra storia contemporanea!

 

Locandina del film Jackie

Fonte:artslife.com

 

Jackie è un film del 2016, diretto dal regista cileno Pablo Larrain. Questa pellicola è stata presentata alla 73esima mostra del cinema di Venezia e vede come protagonisti Natalie Portman (Jackie), Peter Sarsgaard (Robert Kennedy), Greta Gerwig (Nancy Tuckerman) e Billy Crudup (Theodore H. White). Jackie ha ricevuto tre nomination ai recenti Oscar del cinema -miglior attrice con Natalie Portman; miglior colonna sonora con Mica Levi e migliori costumi con Madeline Funtaine- senza però vincerne nessuno. Il film ha una durata di 95 minuti.

TRAMA

Una scena del film Jackie

Fonte:cineblog.it

 

Jackie è un film storico/biografico e racconta la vita di Jacqueline Bouvier in Kennedy, durante la presidenza del marito (20.01.1961 – 22.11.1963) e soprattutto dopo il suo assassinio avvenuto a Dallas il 22 novembre 1963. Nel corso di un’intervista concessa ad un giornalista, Jackie ripercorre le fasi più importanti della sua vita alla Casa Bianca come first lady ed in seguito come vedova di JFK.

IL FILM SECONDO ME

Una scena del film Jackie

Fonte:espansionetv.it

 

Si è scritto e raccontato molto sulla vita del presidente Kennedy, ma la figura della moglie è venuta alla ribalta quasi solamente per gli scandali amorosi di cui è stato protagonista il defunto JFK. Con Jackie, invece, Pablo Larrain si concentra interamente sulla moglie dell’ex presidente e lo fa in maniera molto particolare. Larrain, di proposito secondo me, crea un film lento, distaccato e in parte noioso. La musica è un continuo rintocco di suoni, molto simile al rumore che fanno le gocce d’acqua quando toccano il pavimento, i dialoghi sono, per la maggior parte, quieti, educati e tenuti quasi sottovoce. Il ripetersi delle inquadrature sul volto di Jackie, mirano a trasmettere sentimenti, emozioni e stati d’animo, più attraverso gli sguardi che con le parole o i dialoghi. Le telecamere scavano nei suoi occhi e ci fanno “udire” parole di sofferenza, stanchezza, orgoglio, dolore e finta serenità. Personalmente ho visto una grande Natalie Portman, calata alla perfezione nel ruolo, che sembra quasi cucito su misura per lei. Il portamento, il modo di fare, l’eleganza ed i bellissimi abiti fanno rivedere in lei la vera Jackie.

COSA CI LASCIA IL FILM

Una scena del film Jackie

Fonte:comingsoon.it

 

Quando sono uscito dalla sala, parlando con degli amici, ho discusso su cosa ci ha lasciato il film. Per quanto mi riguarda Jackie mi ha portato “in dote” tanti punti di domanda e poche risposte. Jackie era egoista? Quello che ha fatto era per il defunto marito o per lei stessa? Il suo era amore o voglia di rivalsa personale? Si preoccupava di più di quello che avrebbero pensato gli altri di JFK o della sua figura? Cercava un momento di gloria o voleva onorare la memoria del marito? Queste ed altre domande lasciano volutamente un alone di mistero sul film, in modo che ognuno di noi possa giudicare e leggere la storia autonomamente con la propria testa. La struttura che ha dato Larrain al film, rispecchia in parte la storia dei Kennedy… Una famiglia ricca, potente e amante dei riflettori, ma allo stesso tempo enigmatica, misteriosa e chiusa in se stessa per difendersi da tutto e da tutti. In generale ho trovato Jackie un film interessante, ma non una perla di primissima grandezza. Inoltre, dato il modo particolare in cui è stato girato, non è facilmente apprezzabile da tutti e per questo motivo rischia di ricevere più critiche rispetto a quelle che effettivamente gli si possono additare.

Cinesaluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *