Al profumo di lavanda

Direttamente dalla Francia e più precisamente da Avignone, arriva il film „Le Raid“, gentile regalo dei miei amici Ambra e Andrea. Me lo sono guardato tutto in francese, senza sottotitoli e/o qualsiasi altro tipo di aiuto che mi potesse dare una mano a comprendere al 100% i dialoghi (p.s. il francese lo capisco pochissimo).

Il bello di questa categoria però è anche questo, basare tutta la valutazione del film sulla parte visiva, le emozioni e le sensazioni che le immagini riescono a dare. Quando Andrea lo ha comprato, il venditore ha fatto una faccia del tipo “Ma sei sicuro di voler acquistare quel film? Magari ti sei sbagliato e ne volevi un altro”. Già da questo piccolo aneddoto ho dedotto2016-10-05-21-14-22 che non fosse proprio una perla indimenticabile del cinema mondiale. Infatti, la mia prima impressione è stata confermata! Il film è un mix tra un cine panettone, un reality e un film di James Bond.

Un gruppo di quattro ladri vengono assoldati da un uomo, fidanzato con una ricchissima e bellissima ragazza, per aggregarsi al suo gruppo che partecipa ad una gara di sopravvivenza a tappe nella foresta della Patagonia, per ucciderla e guadagnare cosi una ricca somma di denaro. I quattro però abbandonano il loro obiettivo, conquistati dallo charme e dalla fermezza della ragazza, che a tutti i costi voleva vincere la gara. Si susseguono cosi comici inseguimenti, disastrosi tentativi di eliminare la ragazza ed i suoi quattro compagni di squadra da parte di un gruppo di sicari professionisti assoldati dall’uomo, flirt improvvisati, crisi madre/figlio e tante scene di isteria collettiva. Infine, la scena clou è uno “scontro” su un ponte tibetano che termina con la sconfitta dell’uomo e la vittoria del gruppo che, grazie ad uno scivolo di una caverna segreta, finisce letteralmente davanti all’arrivo della gara di sopravvivenza.

Un film mediocre, passabile in certi momenti; una di quelle pellicole che si mettono su alle 4 di mattina, al ritorno da una serata in discoteca con gli amici.

Cinesaluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *